Torna al blog

Trasforma ogni discorso in una performance: 7 Strategie per Parlare in Pubblico con Carisma

Trasforma ogni discorso in una performance

 

Il teatro e il parlare in pubblico hanno due cose in comune: quella dell’espressione e della persuasione. Quando parliamo in pubblico, non ci limitiamo solo a trasmettere informazioni: eseguiamo una vera e propria performance.

Fare una performance non è solo una prerogativa degli attori o dei relatori esperti, ma un principio che chiunque affronti un pubblico dovrebbe interiorizzare. Ricordiamoci che tutti noi indossiamo maschere e svolgiamo ruoli diversi, consapevolmente o meno, nella quotidianità delle nostre vite.

Nel corso della mia esperienza di public speaker ho selezionato 7 principi dai quali non mi allontano mai quando eseguo una performance in pubblico.

 

Le persone sono al centro

La mia prima regola per un discorso pubblico efficace è considerare le persone non come un semplice recipiente di parole, ma come il vero fulcro della performance. Mi rendo conto che questo principio sia apparentemente ovvio, ma spesso assimilarlo pienamente è più difficile di quanto si creda.

Ogni bravo oratore si deve preoccupare più del pubblico che di se stesso. Certo, non è facile, soprattutto se si soffre di ansia da discorso, che tende a isolarci in un guscio di nervosismo e di attenzione su noi stessi. Tuttavia, la buona notizia è questa: concentrandoti completamente sul pubblico, alleggerirai enormemente il peso delle preoccupazioni relative alla tua performance.

 

Concentrati sulle relazioni interpersonali

Se hai eseguito bene il primo punto, questo ti sarà più facile.
Le persone sono al centro del tuo universo: crea e mantieni una connessione costante durante il tuo intervento. Se il tuo contenuto potesse esistere autonomamente, non ci sarebbe necessità di un incontro fisico; potresti semplicemente inviare le tue informazioni via email o creare un bell'ebook. Invece hai bisogno di questa connessione affinché il tuo messaggio arrivi e crei un impatto significativo.

All'interno della dinamica di una presentazione si formano tre fondamentali relazioni:
1. la tua connessione con il pubblico;
2. la tua interazione con il contenuto;
3. la relazione che il pubblico sviluppa con il contenuto stesso.

Nella prima, catturi l'attenzione dei tuoi ascoltatori e li coinvolgi attivamente; nella seconda, interpreti e adatti il contenuto alle loro esigenze; nella terza, il pubblico si immedesima nel contenuto, perché hai evidenziato l'importanza che esso riveste per loro.
Se si riesce ad eseguire correttamente questi tre punti, il risultato sarà uno solo: il successo!

 

Concentrati sul tuo scopo

Molti relatori confondono l'argomento della loro presentazione con lo scopo che vogliono raggiungere. Ad esempio, quando chiedo a un cliente: "Qual è lo scopo di questa presentazione?" la risposta di solito è: "Beh, parlerò di ..." "No, no", interrompo, "quello è il tuo argomento. Qual è il tuo vero scopo?". Solo allora comprendono la distinzione. Sì, le informazioni che condividi sono ciò di cui parlerai, ma non rappresentano ciò che intendi realmente realizzare.

Il pubblico spera di uscire arricchito dall'esperienza del tuo discorso — ed è proprio questo che devi cercare di ottenere. Avere chiarezza sul tuo scopo ti permetterà di selezionare le informazioni più adatte per raggiungere tale obiettivo.

 

Il corpo come strumento di comunicazione

Impiega il tuo corpo come strumento di comunicazione. Il corpo è un mezzo naturale e straordinariamente efficace per trasmettere messaggi. Non sei un cervello isolato che trasmette pensieri telepaticamente; sei un essere umano intero e dinamico.

È essenziale che il pubblico possa percepire fisicamente le tue parole attraverso la tua espressione corporea. Ecco alcune strategie:

  • preferisci stare in piedi piuttosto che seduto, così da sfruttare completamente il tuo potenziale comunicativo. Se utilizzi un leggio, muoviti spesso al di fuori di esso.
  • Rendi i tuoi gesti contenuti ma significativi, pochi e ben definiti, abbastanza marcanti da potenziare i tuoi punti chiave.
  • E, soprattutto, usa lo spazio con intelligenza, cambiando posizione per ciascuna idea principale e avvicinandoti al tuo pubblico quando possibile per creare un collegamento più stretto.

 

Variazione vocale

Sintetizzando possiamo dire che "una voce uniforme è l’oratore peggiore". La variazione di tono, ritmo e volume ci permette di mantenere l’attenzione dei nostri ascoltatori. La tua voce è uno strumento di comunicazione incredibilmente versatile.

È capace di esprimere un vasto spettro di tonalità ed effetti, che vanno dalla sorpresa e incredulità all'eccitazione e felicità, tra le innumerevoli altre sfumature. Parlare senza variazione vocale significa utilizzare un tono "monotono"; proprio da questa parola deriva l'aggettivo dispregiativo "monotono".

È molto probabile invece che se chiacchieri con gli amici, adotti una dinamica vocale vivace quando ti appassiona un argomento o condividi l'entusiasmo di un film, evento sportivo o un momento importante della tua vita. Perché non condividere quella stessa eccellente performance con il tuo pubblico in situazioni di discorso formale?

 

La maestria nelle domande e risposte

Definisco le sessioni di domande e risposte "il sentiero dimenticato della persuasione del pubblico" per un motivo valido.
Praticamente chiunque può tenere una presentazione accettabile se si prepara e si esercita a sufficienza. Durante la presentazione stessa, tutto dovrebbe procedere senza intoppi. Ma cosa succede quando la presentazione finisce e iniziano le domande, le resistenze o, peggio, le obiezioni?
Certo lo sappiamo, non si può mai prevedere cosa capiterà non appena inizia la sessione di domande e risposte.

Il relatore che riesce a gestire la situazione con stile, competenza, equilibrio, pazienza e un pizzico di umorismo, è colui che incarnerà una credibilità solida come una roccia e un'autorità indiscussa sull'argomento.

Per questo è importante prepararsi creando un elenco dei punti chiave trattati nel proprio discorso e, per ognuno di essi, pensare a tutte le possibili obiezioni o critiche, sviluppando piccoli discorsi di risposta. Questo approccio farà sentire il relatore molto più sicuro durante la sessione di domande e risposte.

 

Le slide

Per quanto onnipresenti in ogni discorso, questo non significa che siano obbligatorie.
Molto spesso possiamo farne a meno o almeno usarle nel modo giusto e pensarle graficamente e didatticamente in modo diverso da come, probabilmente, sei sempre stato abituato a fare.

Il concetto fondamentale è che: "tu sei il punto centrale della presentazione, non le slide."
Spesso le slide vengono preparate come se fossero il “gobbo” o suggeritore, vengono riempite di parole e frasi per non far dimenticare qualcosa all’oratore o, peggio ancora, il presentatore legge il testo sulle slide come se leggesse un libro.

Regola aurea: se sulla slide c’è scritto esattamente quello che deve dire l’oratore, allora uno dei due è di troppo!

Per capire se stai inserendo nelle slide le giuste informazioni, la prima domanda a cui dovresti rispondere è questa: "Sto facendo questa determinata slide per aiutare il mio pubblico o per aiutare me stesso?"
La slide deve fornire elementi che tu non puoi spiegare a voce, un’immagine, un’allegoria, un dato numerico che vuoi che il pubblico ricordi: non deve essere la trascrizione del tuo discorso.
Pertanto, se una slide non include qualcosa che aiuta il tuo pubblico, non proporla nella tua presentazione. Parla tu su quel tema.
 

Ricorda che ogni volta che ti trovi davanti ad un pubblico, hai l'opportunità di fare molto più che informare: hai il potere di trasformare e ispirare. Ogni parola che scegli, ogni gesto che fai, ogni sguardo che scambi sono parti di una danza più ampia che può lasciare un segno profondo su chi ti ascolta. Perciò, quando sali sul palco, fai più che parlare: dipingi un'immagine, racconta una storia, emoziona.

Questa è l'arte del parlare in pubblico. Sfrutta ogni occasione per perfezionarla, e il mondo diventerà il tuo teatro.